SARDEGNA TURISMO

 

La Sardegna stupisce il visitatore per i suoi contrasti naturali, le sue antichissime tradizioni e la sua natura selvaggia. Situata al centro del Mediterraneo con un territorio prevalentemente montuoso, la Sardegna regala al visitatore un ambiente naturale unico. Il mare regna incontrastato e, secondo “Guida Blu” di Legambiente e Touring Club Italiano, è il più bello dell’estate 2017 (più precisamente il litorale di Chia, in provincia di Cagliari).

 

TURISMO

La Sardegna possiede uno straordinario patrimonio culturale, artistico, storico  ed archeologico. È soprattutto costituita da montagne e colline ed il Gennargentu è il massiccio montagnoso principale con i suoi 1834 metri di altitudine. Le rocce sarde fanno parte delle più antiche d’Europa e d’Italia, infatti non ci sono grandi cime su questa isola, esposta da lungo tempo all’erosione. Tra le sue meraviglie, la Sardegna offre al visitatore i Nuraghi, antichissime torri in pietra che costituiscono i monumenti più grandi e meglio conservati d’Europa. Tra i tanti, il complesso di Barumini in provincia di Medio Campidano è nella lista del patrimonio mondiale UNESCO.

 

Una delle prime zone da vedere è sicuramente l’Arcipelago della Maddalena con le cosiddette “sette sorelle”, cioè le isole principali dell’arcipelago. Caprera, la seconda isola più grande dopo la Maddalena, è ricca di pascoli e pinete ed ospita anche il luogo dove visse Garibaldi. La Sardegna ha un solo lago naturale, il lago Baratz a nord di Alghero. Per quanto riguarda la natura in generale, l’Isolamento geografico della Sardegna ha determinato lo sviluppo di un gran numero di specie vegetali ed animali autoctone.

 

SPIAGGE

In quasi 2000 chilometri di coste, è presente un alternarsi di tratti sabbiosi, rocce e scogliere che fanno del mare della Sardegna uno dei più ammirati al mondo. È un paradiso per gli amanti del relax e della tintarella, dove Il mare regna incontrastato con i suoi colori e le calette tortuose. Le località più frequentate sono la costa Smeralda con la sua perla, Porto Cervo, ne è un esempio. Il suo Porto Vecchio è considerato il più attrezzato porto turistico del Mediterraneo. Porto Rotondo è una località anch’essa rinomata, che si affaccia sull’ampio Golfo di Cugnana ed è popolata da ville e piazzette incastonate in una magnifica natura.

 

La Pelosa di Stintino e le Saline sono le spiagge più iconiche e anche le più conosciute della zona. In provincia di Cagliari ci sono tante spiagge bellissime, lontane dal turismo di massa e spesso poco frequentate. La più famosa delle spiagge rosa della Sardegna è la spiaggia dell’Isola di Budelli, nell’arcipelago della Maddalena, ed è anche l’unica ad avere un colore così chiaramente rosato (dovuto ai frammenti di un piccolo microrganismo chiamato Miniacina miniacea).

 

COSA VEDERE E COSA FARE

La Maddalena, con le sue isole ventose ricche di insenature naturali e di caratteristici approdi, è una meta ideale per le vacanze in barca a vela. Ma non solo: la zona è indicata anche per le escursioni a cavallo e per i percorsi in mountain bike, un modo alternativo per vivere le spiagge al tramonto e per godere di panorami granitici e di scenari naturalistici. Vale la pena effettuare un’escursione nel Parco Nazionale dell’Asinara sull’omonima isola, considerata come una delle più suggestive di tutto il Mediterraneo. Si possono svolgere svariate attività all’interno del parco: trekking, bicicletta, passeggiate equestri, escursioni in barca a vela, immersioni guidate.

 

COSA MANGIARE

La cucina sarda è un ricco e antico patrimonio di sapori, dove ogni area dell’isola ha una tradizione propria e differente. I sapori autentici della Sardegna derivano dall’impostazione agricola e pastorale, semplice e raffinata. Percorrendo la Sardegna, da sud a nord, non troverete fast food o autogrill, dove consumare in fretta e andar via. In Sardegna ci si ferma per rilassarsi e gustare i prodotti tipici, accompagnati dalla gentilezza e dall’ospitalità della sua gente. L’ingrediente principale è il grano,  lavorato nel suo prodotto più conosciuto, il pane carasau (perfetto per i pastori che hanno bisogno di un pane facilmente trasportabile e a lunga conservazione), ma anche come base per i famosi malloreddus, culurgiones e la fregola.

 

Non si può andar via dall’isola senza aver assaggiato il gustoso porceddu, maialetto da latte cotto alla brace e servito su vassoi di sughero cosparsi di rami di mirto. Chi ama i sapori del mare non potrà fare a meno di provare l’aragosta algherese, la bottarga di Cabras e il tonno di Carloforte.  Anche salumi e formaggi costituiscono importanti prodotti locali, infatti la Sardegna vanta il primato nella produzione di formaggi di latte di pecora in Europa, tra i quali il più famoso è sicuramente il pecorino sardo.

 

E per accompagnare le saporite pietanze sarde, il territorio propone vini di ottima qualità come il Vermentino di Gallura o Cannonau. Ottimo anche il liquore di mirto, nella varietà rosso e bianco, prodotto con i frutti di questa pianta molto diffusa nell’isola. Per quanto riguarda i dolci, la pasticceria tradizionale sarda è molto varia: le seadas sono delle ciambelle imbottite di formaggio acido, fritte e innaffiate col miele e le aranzadas si presentano come dei pasticcini di mandorle, arance e miele. L’ingrediente base per la maggior parte dei dolci caratteristici sardi sono le mandorle, con cui si preparano gli amaretti.

INSERISCI LA TUA RICHIESTA DI VACANZA



Dove ti piacerebbe andare? Chiedi ai nostri consulenti! Un consiglio gratuito da esperti per venire incontro alle tue esigenze.

UN AIUTO PER LA VACANZA? CHIEDI A NOI!

ULTIMI POST

OFFERTE

Sei una struttura ricettiva? Hai un’offerta per i tuoi clienti e ti piacerebbe farla conoscere a tutti gli utenti EasyHolidays? Clicca sul bottone qui sotto!

INSERISCI LA TUA OFFERTA

ULTIMI POST

OFFERTE

Sei una struttura ricettiva? Hai un’offerta per i tuoi clienti e ti piacerebbe farla conoscere a tutti gli utenti EasyHolidays? Clicca sul bottone qui sotto!

INSERISCI LA TUA OFFERTA